LE TORRI DI BERGAMO ALTA

L’articolo odierno vuole essere una panoramica su un argomento che mi affascina e al tempo stesso fa da filo conduttore ai miei trasferimenti. Sono infatti cresciuta in una città, Genova, dove le torri medievali erano numerose ed esprimevano il potere delle ricche famiglie nobili; arrivando a Bergamo ho scoperto una realtà simile, in Città Alta, e questo aspetto mi ha fatto subito sentire “a casa” anche in una città ancora tutta da scoprire.

Tratterò quindi delle torri di Bergamo Alta e dedicherò un altro articolo a quelle della Città Bassa precisando però che non sono né una storica né un’esperta ed i miei scritti hanno solo l’ambizione di far conoscere qualche cosa di nuovo a chi legge.

Bergamo medievale

Il libero Comune di Bergamo nasce alla fine dell’anno 1000 quando il governo vescovile  che aveva retto la città nel secolo precedente va in crisi: in questo vuoto governativo si collocano le famiglie nobili che gestiscono il potere civile e militare collegialmente. Inizia un fiorente periodo durante il quale, tra le altre cose, vengono fatti interventi sul tessuto urbano che connoteranno l’aspetto della città alta fino ad oggi. Continue reading

ISOLAMENTO TERMICO A CAPPOTTO

architetto BergamoL’isolamento termico a cappotto è quel sistema di isolamento che, posizionato quasi sempre all’esterno delle pareti perimetrali di un’abitazione (ma si può realizzare anche internamente), aumenta la resa termica di queste assicurando una minor dispersione e quindi un risparmio energetico nel riscaldamento invernale.

A seconda del tipo di cappotto scelto si possono migliorare inoltre anche le caratteristiche acustiche dell’edificio così come l’isolamento non solo dal freddo ma anche dal caldo estivo.

Ormai la maggior parte delle nuove costruzioni viene progettata, e quindi “nasce” già con il cappotto: a noi invece interessa affrontare l’argomento per chi vive in un immobile che questo tipo di isolamento non ce l’ha e vuole valutare l’opportunità di farlo.

  1. Come è fatto un cappotto termico

Isolamento, rete e rasante/tinteggiatura sono, in estrema sintesi, i tre principali elementi costitutivi di un cappotto. Continue reading

IL SOPPALCO

Biblioteca_civica_Itali_Calvino_interno

Il soppalco è quell’elemento che permette di sfruttare un locale molto alto mediante la realizzazione di una superficie che può essere destinata a scopi diversi, a seconda dell’ambiente in cui si trova: uno studio, una zona conversazione, un letto, una zona hobby, un ripostiglio e tante altre.

Vediamo quando è possibile farlo e come bisogna procedere per farlo con tutte le carte in regola.

  1. Caratteristiche dimensionali

Il soppalco non abitabile può essere realizzato quando l’altezza netta al di sotto e al di sopra dello stesso è di almeno 2,10 m: in questo caso la sua superficie può essere al massimo 1/3 della superficie del locale in cui si trova.

Se l’altezza sopra e sotto è almeno di 2,30 m, la sua superficie può raggiungere la metà della superficie del locale in cui si trova.

Sia il soppalco che il locale sotto di esso devono essere aperti (non chiusi da tramezzi), il soppalco inoltre deve essere munito di parapetto alto 1 metro e di scala.

Per entrambi i locali devono essere rispettati il rapporto di luce naturale e di aerazione minimi stabiliti dal locale regolamento edilizio (superficie finestrata pari a 1/8 o 1/10 della superficie del pavimento a seconda del Comune).

Quindi prima ancora di progettare un soppalco facciamo la verifica delle nostre superfici, altezze e finestrature: se queste ci permettono di soppalcare procediamo? NO!!!

Perché nel momento in cui riduco l’altezza della parte del locale che resterà sotto il soppalco a 2,10 o 2,30, questo volume avrà altezza inferiore a quella minima dei locali abitabili ossia 2,70 (2,40 per comuni posti a più di 600 m.s.l.m.)  e quindi a tutti gli effetti riduco il volume abitabile. Dovremo quindi verificare che il volume minimo del locale, stabilito dal Regolamento di Igiene, sia comunque rispettato altrimenti quello che prima era, ad esempio, il soggiorno, non potrà più essere considerato tale. Continue reading